Forteto

 Ultimi Documenti

 


 

Sen. Laura Bottici – Seduta Senato del 21.03.2017: “Dichiarazioni sul Forteto e sugli attacchi informatici al Sito dell’Avvocato Giovanni Marchese


 


 

Giustizia Caffè (www.giustiziacaffe.it) intervista l’Avv. Giovanni Marchese (3 Marzo 2017):

 


 

La Cooperativa Agricola Il Forteto, attualmente attiva nel comune di Vicchio, provincia di Firenze è stata creata nel 1977 da Rodolfo Fiesoli e Luigi Goffredi con l’obiettivo di essere una comunità produttiva e alternativa alla famiglia tradizionale in nome (a loro dire) degli insegnamenti di Don Milani. Inizialmente composta da 33 giovani la comunità è cresciuta fino a diventare un’importante realtà economica del Mugello.

Forteto indica, in Toscana, un tipo di macchia semialberata, dove l’azione dell’uomo è meno intensa che altrove, con turni di taglio o incendio meno frequenti e pascolamento più blando; l’altezza degli arbusti può quindi raggiungere i 6 m.


Memoriale del 1978 (Novità)

Il 23 novembre 1978 uno studente di medicina (successivamente diventato medico) che aveva avuto rapporti con il Forteto deposita alla Procura della Repubblica di Firenze un memoriale dal contenuto, a dir poco, agghiacciante. Conclude scrivendo: ” Non ho alcun risentimento verso nessuno degli attuali componenti del Forteto. Mi sono sentito solo in dovere di rivelare tutto ciò che so all’unico scopo che la situazione attuale non degeneri irreversibilmente”

Cliccare qui per leggere il documento


Estratto verbale seduta Regione Toscana del 28 ottobre 1980: Consigliere InnacoEstratto verbale seduta Regione Toscana

del 28 ottobre 1980: Consigliere Innaco

(cliccare sul documento per visualizzarlo)

Estratto verbale seduta Regione Toscana del 28 ottobre 1980: Consigliere Innaco


 

Estratto Motivazioni Sentenza Tribunale di Firenze

Don Stefano Benuzzi ha testimoniato nel processo di primo grado il 19 ed il 24 marzo 2014. Attualmente insegna religione in un liceo di Bologna. Nelle motivazioni della sentenza del Tribunale di Firenze la sua testimonianza viene commentata così.

Cliccare qui per leggere il documento

 


 

Procedimenti Giudiziari.

Nel 1985 Rodolfo Fiesoli viene condannato per atti di libidine violenta e corruzione di minorenne. Successivamente, la condanna non ebbe effetti pratici e Il Forteto diventerà un importante interlocutore della Regione Toscana. In seguito alla denuncia di numerose persone, Fiesoli viene nuovamente arrestato (20 dicembre 2011). Nell’ottobre 2013 inizia il processo su quello che è divenuto un caso nazionale.

  • IL 22 DICEMBRE 2017 E’ STATO CONDANNATO IN VIA DEFINITIVA DALLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE ALLA PENA DI ANNI 15 E
    MESI 2 DI RECLUSIONE PER ABUSI SESSUALI E MALTRATTAMENTI IN DANNO DI MINORI.

 

9 Luglio 2015. Discussione Parlamentare che boccia la richiesta di istituire una Commissione d’Inchiesta sulla vicenda (OLTRE A VALUTARE LA SUSSISTENZA DEI PRESUPPOSTI PER IL COMMISSARIAMENTO DEL FORTETO).

 

8 Ottobre 2015.  Conferenza stampa (del 10 Ottobre 2015) presso la Camera dei Deputati sul “caso Forteto” con l’intervento dell’Avv. Giovanni Marchese.

 

8 Ottobre 2015. Dichiarazioni Post Conferenza Stampa degli Avv. Alfonso Bonafede e Giovanni Marchese

 

Il caso Forteto, tanti anni dopo una storica puntata di Porta a Porta

 

Italia7 “L’Apriscatole”: intervento dell’Avv. Giovanni Marchese nella trasmissione (1° video dal minuto 06:00 in collegamento esterno da Mercatale Val di Pesa)

 

#Forteto: la comunità degli abusi – Passaparola di Francesco Pini e Duccio Tronci

 

MISTERI TOSCANI: Orrori e segreti del Forteto (partecipazione in studio dell’Avv. Giovanni Marchese)

 

Sentenze:

sentenza Sentenza Corte d’Appello di Firenze del 3 Gennaio 1985

sentenza Sentenza Corte Europea dei Diritti dell’Uomo del 13 Luglio 2000

sentenza Sentenza Tribunale di Firenze del 17 Giugno 2015

sentenza Sentenza Corte d’Appello di Firenze del 15 Luglio 2016

sentenza Sentenza Corte Suprema di Cassazione del 22 dicembre 2017 ( in attesa di motivazione)

 

 


 

2 Libri da leggere:

Setta di Stato

Nella campagna del Mugello, in quello che (quasi) tutti elogiavano come un paradiso in terra, si consumano abusi sessuali e maltrattamenti su minori. Setta di Stato è un’inchiesta giornalistica che racconta la terribile storia del Forteto, la cooperativa agricola e comunità, fondata nel 1977, che ha ospitato decine di bambini e ragazzi affidati dal tribunale dei minori. Molti di loro, i maschi soprattutto, hanno denunciato molestie sessuali da parte di Rodolfo Fiesoli, fondatore e leader incontrastato del Forteto. Chi non è stato abusato, ha comunque sofferto violenze fisiche e psicologiche, insieme alle costrizioni e ai condizionamenti tipici di una setta. Fiesoli, condannato in appello nel 2016 con altri suoi fedeli collaboratori, aveva alle spalle una sentenza definitiva del 1985 per atti di libidine, maltrattamenti e corruzione di minori. Ma nonostante questo, fino al nuovo arresto del 2011, ha goduto della fiducia, amicizia e protezione da parte di magistrati, politici, intellettuali, professionisti e responsabili dei servizi sociali del territorio. E al Forteto i giudici hanno continuato a spedire bambini in difficoltà. In Setta di Stato i giornalisti Francesco Pini e Duccio Tronci analizzano la particolarità del Forteto: quella di una setta che, a differenza di mille altre, ha saputo dialogare con le istituzioni dello Stato italiano fino a penetrarle e a piegarle ai suoi scopi, in un intreccio che raggiunge livelli sorprendenti e contempla misteri ancora inspiegabili. Tutto sulla pelle di giovani vite indifese.

http://www.abedizioni.it/catalogo-pubblicazioni-libri-firenze/libri/setta-di-stato

 

 

Aberrazioni Comunitarie

 


 

Condividi questa pagina
  • 29
    Shares

One thought on “Forteto

  1. egregio avvocato, del Forteto in Italia non se ne parla assolutamente. televisioni e giornali sono muti. questa censura a che mai sarà dovuta???una idea l’ho ma ovviamente bisogna avere le prove. devo fare una domanda. ma i delinquenti del Forteto sono finalmente in carcere o sono ai domiciliari????
    grazie per l’attenzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *